Dati da satellite COSMO-SkyMed rilasciati in open source

Per la prima volta i dati dei quattro satelliti radar COSMO-SkyMed saranno a disposizione in modo gratuito per uso esclusivamente civile: l’Agenzia Spaziale Italiana ha bandito due specifiche ‘Open Call’ rivolte alla comunità scientifica internazionale e al settore privato nazionale di PMI, Start-up e Spin-off universitari. Entrambe le Call vogliono favorire la crescita di competenze scientifiche e imprenditoriali nel settore dello sfruttamento del dato satellitare, puntando a  risultati tangibili nel settore della gestione del territorio e dei servizi al cittadino.

I set completi di rilevazioni della costellazione satellitare saranno a disposizione per “promuovere lo sviluppo di nuovi algoritmi” e, allo stesso tempo, contribuire al “miglioramento  di prodotti/servizi esistenti”  nonché allo sviluppo di “applicazioni tecnologiche innovative”.

«Questa iniziativa – ha dichiarato il presidente dell’ASI Roberto Battiston – rientra nel cammino di attenzione dell’ASI verso un ampio sviluppo e utilizzo dei dati di osservazione della Terra derivanti dall’avanzatissimo sistema italiano COSMO-SkyMed. Quattro anni fa era stata realizzata una analoga iniziativa riguardante la fornitura dei dati satellitari, ma era rivolta esclusivamente alla comunità scientifica. Oggi, invece, apriamo anche al settore privato nazionale di PMI, Start-up e Spin-off. Queste Call rappresentano un passo fondamentale verso una maggiore valorizzazione per usi civili di un sistema che, come è noto, è stato concepito come duale. COSMO-SkyMed ha consentito all’Italia importanti accordi internazionali nel campo dell’osservazione della Terra ed è già cominciato lo sviluppo della ‘seconda generazione’: l’Agenzia Spaziale Italiana auspica di ricevere proposte innovative che possano trarre vantaggio dalle caratteristiche uniche della costellazione satellitare, anche tenendo conto di eventuali sinergie con le missioni di osservazione della Terra dell’ESA e internazionali».