Il nostro è ancora un paese di eccellenza scientifica?

Qualche giorno fa, durante una riunione in cui si discuteva delle performance dell’Italia in Horizon 2020, uno dei relatori si  è interrogato perplesso di come mai i proponenti del nostro paese non fossero capaci di intercettare le risorse messe a disposizione dal programma, sebbene in Italia ci sia una ricerca di eccellenza superiore anche ad altri paesi.

Ma è proprio vero? Me lo sono chiesto ed ho effettuato qualche ricerca in rete. Risultato? In generale purtroppo non siamo sempre eccellenti anche se per alcuni temi sicuramente riusciamo ancora a dire la nostra.

Ho scovato in rete SCImago, un sito molto interessante che permette di realizzare utili grafici giocando con i dati forniti da Scopus.

Analizzando lo scenario italiano nel biennio 2011-12 quello che salta all’occhio è che il maggior numero di pubblicazioni interessa l’ambito medico che per altro ha il maggiore H-Index ed è tra quelli che in media ha un maggior numero di citazione per pubblicazione.

SJR   Map Generator

 

Molto più interessante è stato comparare le performance italiane con quelle mondiali in un periodo di riferimento che va dal 1996-2014. L’Italia è settima per numero di pubblicazioni scientifiche dietro a paesi come Stati Uniti, Cina, Regno Unito, Germania, Francia e Canada. Da notare che seguiamo gli stessi paesi europei che ci precedono anche nelle performance registrate in Horizon 2020.

SJR   International Science Ranking_2

 

Interessante notare anche altri due valori: citazioni medie per articolo e l’indice H che misura la prolificità e l’impatto del lavoro degli scienziati. In questo caso l’Italia non solo è dietro ai suoi competitor europei (che ci precedono per numero di pubblicazioni) ma anche dietro a paesi del nord europa che in Horizon 2020 registrano performance niente male e che per alcuni temi riescono a conseguire maggiori successi.

In conclusione, ci sarebbero le basi per fare un ragionamento (sicuramente più accurato del mio) se effettivamente in Italia la ricerca in alcuni settori sia ancora di eccellenza considerando il numero medio di citazione per articolo e l’impatto che generano e quanto questa si traduca in scarsi risultati in termini di performance nei vari programmi europei.