Matteo chi?

Mi chiamo Matteo Di Rosa e sono un naturalista. Sono nato a Napoli, ma vivo a Roma già da qualche anno.  Amo la natura in tutte le sue declinazioni e la scienza che cerca di interpretarne e carpirne i segreti. Divoro serie TV come se fossero noccioline e, se potessi scegliere un periodo storico in cui vivere, vivrei nel medioevo.

Per sopravvivere, lavoro. Sono quello che oggi si chiama un fundraiser. In pratica, aiuto ricercatori (e non) a trovare finanziamenti per trasformare le loro idee in realtà. Svolgo questa attività in APRE – Agenzia della Promozione della Ricerca Europea e opero in Horizon 2020.  Non mi occupo (ovviamente) di tutto il programma ma di due temi specifici dei quali sono Punto di Contatto Nazionale: Climate Action, Environment, Resource Efficiency and Raw MaterialeFood Security, Sustainable Agriculture and Forestry, Marine, Maritime and Inland Water Research and the Bioeconomy.

Ho un background scientifico dato dalla mia laurea in scienze naturali; non volendo seguire una carriera accademica, mi sono specializzato in comunicazione della scienza. Nel tempo (e grazie anche alla quotidiana attività lavorativa) ho analizzato e studiato gli strumenti per massimizzare l’impatto dei risultati di una ricerca. In pratica, cerco di evitare che un buon progetto alla sua conclusione muoia lì senza produrre nulla di apprezzabile o, nella peggiore delle ipotesi, resti chiuso nel cassetto del ricercatore.

Se vuoi sapere più del mio lavoro allora ti suggerisco di vedere il mio profilo linkedin.

Ah dimenticavo, da buon napoletano sono un fervido supporter della squadra azzurra.