Su Internazionale un ottimo articolo sul valore dell’Open Access in un contesto storico in cui gli editori la hanno da padroni e la conoscenza scientifica inaccessibile ai più.